Rivestimenti in pietra: un materiale raffinato per esterni e interni

Rivestimenti in pietra: un materiale raffinato per esterni e interni

TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE SUI RIVESTIMENTI IN PIETRA

La pietra naturale è uno dei materiali più apprezzati nell’architettura contemporanea sia nella progettazione di interni che di esterni. Un utilizzo versatile, per pavimenti, nei rivestimenti o per la creazione di mobili e complementi quali tavoli, panche o fontane.

In questo articolo ci concentreremo soprattutto sui rivestimenti scoprendo gli stili e i materiali più diffusi.

Rivestimenti in pietra: i materiali e gli stili più di tendenza

I materiali più comuni per i rivestimenti esterni esigono il rispetto di requisiti prestazionali decisamente rigorosi. Le pietre utilizzate devono:

  • resistere agli sbalzi di temperatura (sia giornalieri notte/giorno che stagionali tra estate e inverno);
  • resistere alle intemperie e soprattutto ai cicli di gelo e disgelo;
  • non cambiare colore in seguito all’esposizione alla luce del sole;
  • avere un aspetto estetico gradevole;
  • avere un buon rapporto qualità/prezzo;
  • i dispositivi di ancoraggio o la malta di allettamento delle lastre devono inoltre essere affidabili e sicuri per evitare la caduta accidentale di parti o intere lastre con conseguenti danni a persone o cose.

Per questo, per i rivestimenti esterne sono meglio pietre come:

  • l’arenaria gialla;
  • la pietra serena (una particolare varietà di arenaria grigia tipica della Toscana);
  • il porfido rosso;
  • altri calcari come la ammonitico, numerose varietà di travertino, lo gneiss e il granito.

Nei rivestimenti interni troviamo le medesime pietre, più alcune varietà assai più delicate come:

  • i marmi propriamente detti;
  • le brecce ornamentali;
  • l’onice;
  • la pietra paesina.

In ogni caso si tratta di rocce di aspetto pregevole, caratterizzate da un’ampia gamma di colori (bianco, giallo, rosa, rosso, arancione, verde, azzurro, marrone, sabbia, varie tonalità di grigio e nero), sfumature tono su tono e venature casuali.

Gli stili ricorrenti, invece, sono essenzialmente due:

  • un rivestimento di lastre regolari, generalmente di forma quadrata o rettangolare con dimensioni medie o medio-grandi;
  • bozzetti di forma irregolare che simulano una muratura di pietrame.

I primi dominano tendenzialmente sulle facciate degli edifici o in ambienti come bagni e spazi di rappresentanza di aspetto classico, mentre i secondi si trovano facilmente nelle zone giorno o nei bagni più moderni e dinamici.

Hai bisogno di una mano?

Da RPR troverai personale specializzato che saprà consigliarti al meglio sia dal punto di vista tecnico sia nelle numerose soluzioni di arredamento e rivestimenti per la tua casa.

I sistemi di fissaggio dei rivestimento

Il fissaggio rappresenta la parte più importante del procedimento di rivestimento, che garantisce la durata e un effetto finale di qualità.

Anche i sistemi di fissaggio per i rivestimenti in pietra sono essenzialmente due:

  • con malta di allettamento o collante (quasi sempre il medesimo impiegato nei rivestimenti di piastrelle);
  • con grappe e perni di metallo, questi dispositivi a loro volta possono rimanere in vista, assumendo l’aspetto di borchie ornamentali circolari o variamente elaborate, oppure essere nascosti da scanalature praticate sul bordo laterale delle lastre.

RPR consiglia di utilizzzare, per le zone con umidità di risalita capillare, rivestimenti in materiali porosi come tufo, travertino, arenaria o pietra serena, mettendoli in opera con malta di calce o materiali traspiranti, perchè l’uso di malta cementizia (non traspirante e carica di sali), o la scelta di pietre non porose, come il granito, potrebbero aggravare il problema, causando la formazione di efflorescenze e sub-efflorescenze saline (con conseguente distacco o rottura delle lastre), la disgregazione dei giunti di malta e dei mattoni della muratura o l’innalzamento del fronte di risalita anche fino a vari metri. Per la medesima ragione risulta preferibile non sigillare completamente le fughe mediante silicone o stucco non traspirante. Un ottimo sottofondo è ad esempio un rinzaffo in malta di pozzolana o cocciopesto.

Se non si è esperti nel campo, è importante rivolgersi a dei professionisti. Presso il nostro show-room troverai molti esperti a tua disposizione, che ti guideranno nella scelta della soluzione giusta per la tua casa.

Questo articolo ricco di idee e curiosità dovrebbe averti ispirato ma se ancora hai dubbi contatta un nostro esperto per una consulenza personalizzata a Torino.

Post recenti
0
infissi apr ceramicheinterior designer rpm ceramiche